I piatti del capodanno cinese

I piatti del capodanno cinese

Si è da poco festeggiato il capodanno cinese, il quale essendo basato su un sistema lunisolare non coincide con quello gregoriano dal quale può variare fin di 29 giorni. Scopriamo insieme quali sono i cibi tipici per festeggiare questo evento che si conclude con la tradizionale “Festa delle Lanterne”.

Involtini primavera
Chi di noi non li ha assaggiati 
almeno una volta? Dovete sapere che proprio il loro nome deriva da questa festa chiamata per l’appunto “festa di primavera” (oppure “capodanno lunare”). Una croccante sfoglia fritta, a base di farina di grano o di riso, racchiude un ripieno di verdure (solitamente con cavolo cappuccio) o di carne che può essere sia dolce che salato.



Jiaozi
Solitamente chiamati semplicemente Ravioli sono tra i cibi popolari cinesi più conosciuti all’estero. Cotti al vapore, al forno o fritti; il loro ripieno varia dalle verdure, alla carne, al pesce. In occasione della fine dell’anno vengono preparati con un profilo più ovale e disposti in tavola unicamente in file; questo perché qualsiasi forma geometrica che dovesse ricordare il cerchio sottintenderebbe una situazione che si ripete e quindi non un nuovo inizio d’anno.




Mantou e Bao
Il panino cinese cotto a vapore risulta molto morbido, quasi gommoso. Deve il suo colore bianco candido all’utilizzo della farina di riso. Ne esistono due versioni: il Mantou è quella semplice, il Bao è invece quella ripiena. Le farciture di quest’ultima possono essere di varia natura e quando si accompagna alla presenza di zucchero negli ingredienti diventa un ottimo dolce. È tradizione preparare un panino per ogni commensale, riservando alla persona più importante o al capofamiglia uno con all’interno un piccolo frutto.


Yu
E’ il termine cinese per indicare il pesce. Viene consumato durante le feste come auspicio per poter guadagnare molto nell’anno successivo; infatti la sua pronuncia si ricollega al vocabolo cinese che significa “abbondanza” e “risparmiare”. E’ proprio per questo motivo che risulta anche necessario servirlo intero con tutta la testa e la coda, proprio per augurare prosperità.



Biscotti della fortuna
Molti di voi sospettavano della presenza dei tradizionali biscotti della fortuna in questo articolo; purtroppo vi stupiremo dicendovi che non sono cinesi! Infatti provengono da una ricetta giapponese, anche se oramai sono diffusi anche in Cina.

 


Nella speranza che il nuovo anno cinese sia buono per voi, vi auguriamo
zhu ni hao weikou (buon appetito)!

Torna al blog