Raccogliere le olive alla giusta maturazione non è facile.

50 sfumature di Olio Extra Vergine d’Oliva

Anche dopo un'estate torrida come quella appena trascorsa, non dobbiamo temere per la produzione di olio: l’olivo è un albero molto resistente alla siccità e in caso di emergenza idrica la pianta richiama l’acqua dai frutti e dalle foglie, che lascia cadere.

L’olio d’oliva è territoriale in Italia come il vino: oltre 500 varietà in tutto il Paese, dove ognuna rappresenta un’area geografica e delle tradizioni che la legano ai piatti locali. Sulla puccia salentina l’olio di Ogliarola, nel pesto genovese l’olio di Taggiasca, sul pane carasau l’olio di Semidana, sul caciucco toscano l’olio di Leccino e così via.

Per quantità prodotte, l’Italia è terza a parimerito con la Grecia (9.1%) e dietro alla Spagna ( 46.1% con 5 milioni di acri di ulivi).

Ma per qualità, il nostro Paese è al primo posto vantando il più alto numero di denominazioni d’origine di olii in Europa: 49.

In tutta l’Unione, gli olii extravergine d’oliva DOP e IGP sono in totale 132, dei quali in Spagna 32, in Grecia 31, in Francia 8, in Portogallo 6, in Croazia 5 e in Slovenia appena 1.

 

Le denominazioni di origine sono strumenti importanti per la tutela del prodotto agricolo e alimentare le quali caratteristiche sono legate all’ambiente geografico di provenienza, ma anche un’indicazione di qualità per il consumatore.

 

Dobbiamo saperci orientare tra le etichette degli olii in commercio. Ecco come riconoscere un olio di qualità superiore:

  • Controlliamo prima di tutto la denominazione di vendita: scegliamo l’extravergine, con una minore acidità rispetto al vergine, evitiamo l’olio di sansa di oliva (ottenuto dal primo scarto);
  • Verifichiamo l’origine delle olive: preferiamo quelle dall’Italia;
  • Cerchiamo un eventuale bollino della denominazione di origine, se presente (Indicazione Geografica Protetta, Denominazione di Origine Protetta) ci garantisce che avrà standard qualitativi disciplinati.

Ricordiamoci anche che il prezzo non è sempre indice di qualità.

Torna al blog